Business plan

Il business plan è uno strumento operativo valido per qualsiasi progetto imprenditoriale e deriva dallo studio del mercato di riferimento, delle fonti di finanziamento, dalla struttura interna e dai processi operativi.

A cosa serve

Gli obiettivi di un business plan sono di 3 tipi:

  1. Pianificazione: Valutare la fattibilità/redditività di un progetto, individuare le risorse e le competenze necessarie per renderlo operativo, definire l’assetto organizzativo, individuare e di conseguenza ridurre i rischi e pianificare le strategie per raggiungere l’obiettivo;
  2. Conotrollo: Valutare le performance del progetto e l’eventuale discostamento nel corso del tempo dal progetto originale;
  3. Comunicazione: Dare indicazioni su quali sono i canali di comunicazione da utilizzare (sia interni che esterni) ed il budget da investire.

Quando serve:

Solitamente viene redatto in fase di apertura di un’attività e rielaborato nel corso del tempo, ma può anche essere creato da zero (anche dopo molti anni), nel momento in cui si debbano prendere decisioni strategiche importanti per la propria impresa.

Perché è così importante

Da buon imprenditore comprendi perfettamente l’importanza di avere sempre il quadro generale sotto controllo: quali sono i tuoi obiettivi, come puoi realizzarli e qual è l’andamento delle tue performance.

Gli elementi del business plan

1. Descrizione del progetto

Nelle prime pagine del business plan sono presenti le descrizioni dei progetti imprenditoriali.

Fai mente locale e scrivi tutte le tue intenzioni, a partire dai fornitori fino ad arrivare al target di clientela. Se hai in mente di utilizzare qualche invenzione o qualche processo innovativo questa è la sezione in cui parlarne.

Fai capire alla persona che lo sta leggendo come hai intenzione di guadagnare.

2. Ricerche di mercato

In questa sezione andrai ad analizzare i concorrenti ed i clienti.

Ricordati che con concorrenti non si intende solamente chi produce il tuo stesso prodotto o offre il tuo stesso servizio, ma anche chi vende un prodotto diverso dal tuo con la stessa utilità.

Ad esempio, l’obiettivo di Trenitalia è quello di spostare persone da un posto all’altro. Anche Flixbus sposta persone da un posto all’altro, ma in modo diverso. Infatti, mentre Trenitalia viaggia su rotaie, Flixbus viaggia su gomme. Due servizi totalmente differenti che hanno alla base uno stesso obiettivo. Ne consegue che anche Flixbus è un competitor di Treniatalia e non solo Italo.

Controlla come i tuoi competitor vendono i loro prodotti e che qualità hanno, in modo da capire come differenziarti da loro.

Analizza anche i tuoi possibili clienti, identificando i metodi migliori per entrare in contatto con loro. Ad esempio, potresti vendere su internet oltre che nel tuo negozio fisico, oppure potresti sfruttare il canale delle fiere.

3. Strategia di marketing

All’interno della strategia di marketing del business plan si hanno informazioni circa i prodotti, il prezzo e il piano di comunicazione che vuoi attuare.

Illustra il livello di qualità che vuoi dare al prodotto ed anche la strategia di prezzo che vuoi applicare.

Come ultima cosa spiega perché hai scelto quei determinati canali di comunicazione e che stile darai ai tuoi annunci.

4. Previsioni economico-finanziarie

Calcolatrice alla mano, stima i possibili guadagni che potrai avere e anche i costi che dovrai sostenere.

Facendo quest’operazione ti renderai conto se hai bisogno o meno di finanziamenti esterni, le previsioni economico-finanziare nei business plan vengono fatte nell’ottica dei 5 anni successivi.

In breve la chiave per assicurarsi un futuro solido della tua azienda è un eccellente business plan.

Esso deve esporre il progetto imprenditoriale e illustrare tutte le indagini di mercato che sono state effettuate.

Inoltre deve descrivere le attività operative di marketing, le previsioni finanziarie ed infine delineare una strategia per la crescita a lungo termine, identificando possibili progetti o mercati alternativi se le cose non andassero come previsto.

Che cos’è la proposta unica di valore?

Il punto di partenza per sviluppare un piano marketing efficace è avere ben chiari gli obbiettivi che si vogliono raggiungere e i bisogni che si è già in grado di soddisfare. Tutto questo è riassunto in una sola frase: la proposta unica di valore. A cosa serve la proposta unica di valore? La proposta unica di valore trasmette ciò che l’azienda vuole comunicare al cliente target. Il cliente che legge una proposta unica di valore efficace penserà che non può […]

Continua a leggere

Progetti di marketing: Coop e la sua attenzione al cliente

Negli articoli precedenti abbiamo parlato della strategia premium price, oggi toccherà all’attenzione verso il cliente. Come ben sai investire sul cliente può generare molto valore. Come? Attraverso la fidelizzazione. Un cliente fidelizzato tenderà ad acquistare prodotti sempre dallo stesso fornitore e contemporaneamente farà da promoter con amici e conoscenti. Il modello dell’attenzione al cliente nei progetti di marketing Investire su chi ti fa guadagnare L’attenzione all’utente finale non riguarda solo il post acquisto. Questi servizi devono essere forniti costantemente. Si deve approfondire, dunque, […]

Continua a leggere

Marketing mix: Coca-Cola e la sua differenziazione orizzontale

In questo articolo parleremo di come vendere un prodotto cercando di coprire tutti i possibili bisogni dei clienti. Non c’è niente di meglio che imparare dai migliori, quindi oggi analizzeremo Coca-Cola e il suo marketing mix. Utilizzare questa strategia di marketing può essere uno strumento utile per riuscire a vendere a tutti i tipi di clienti disponibili. Tuttavia, la vendita di beni diversi può far lievitare di molto i costi di produzione, trasporto e comunicazione. Differenziazione orizzontale: il marketing mix di […]

Continua a leggere

Red Bull, premium price e target definito: strategia marketing

In questo articolo voglio proseguire il percorso sul piano marketing che ho iniziato con “Esempio di piano marketing: cosa fanno le grandi aziende?” e nello specifico voglio parlarti della strategia di marketing di Red Bull. Red Bull adotta una precisa strategia marketing finalizzata all’ottenimento di un utile superiore alla media del proprio settore. Proseguendo nella lettura di questo articolo ti darò alcuni consigli su come poter raggiungere lo stesso risultato. Il suo mix strategico è composto da pricing e comunicazione. […]

Continua a leggere

Esempio di piano marketing: cosa fanno le grandi aziende?

Abbiamo già parlato dell’importanza del piano marketing come strumento fondamentale per la tua azienda. In questo articolo approfondiremo il concetto di piano marketing con l’aiuto di alcuni esempi. In particolare andremo ad osservare tre realtà aziendali molto diverse fra loro, concentrandoci sul piano marketing e sulle strategie da adottare nelle varie situazioni che il mercato ci offre. Aziende famose e il loro esempio di piano marketing Per questo articolo ho scelto tre marchi molto noti: Red Bull, Coca-Cola e Coop. Le […]

Continua a leggere

Mail marketing e gestione del post vendita

Il mail marketing non è solamente uno strumento per acquisire nuovi clienti: le newsletter possono anzi diventare un ottimo veicolo per comunicare con chi ti ha già scelto, per stabilire un rapporto duraturo e proficuo con il tuo cliente. Una delle potenzialità più dirompenti e spesso sottovalutate del mail marketing è data dalle possibilità di interazione tra azienda e target. Utilizzare il mail marketing a tal fine può essere molto utile per vari obiettivi: fidelizzare il cliente, farlo tornare ad […]

Continua a leggere

Come fare una newsletter: evitare di finire nello spam

Come fare una newsletter: Scrivere un’email per una newsletter può sembrare un’operazione piuttosto semplice. La difficoltà però non sta solamente nella decisione del contenuto ma sul farla pervenire evitando che finisca nello spam. Se cerchi come fare una newsletter, prosegui nella lettura per ottenere preziosi suggerimenti. Purtroppo non basta pensare a come rendere il più possibile accattivante le nostre comunicazioni per risolvere tutti i problemi. Il peggior nemico di una email: lo SPAM Anche scrivendo il messaggio più chiaro e […]

Continua a leggere

Come effettuare un’efficace analisi dei competitor in 3 semplici passi

Effettuare un’efficace analisi dei competitor Un’attenta analisi dei competitor può esserti d’aiuto, molto più di quanto pensi. La concorrenza non va sempre vista come un nemico: è, invece, spesso un ottimo strumento per individuare i tuoi punti di forza e di debolezza e quindi capire le minacce e le opportunità che ti presenta il mercato. Non occorrono necessariamente operazioni sofisticate. Si può svolgere un’analisi complessiva, ma efficace, in tre semplici passi. Individuare la concorrenza e raccogliere le informazioni Il primo passo […]

Continua a leggere

I 4 passi per verificare i tuoi obiettivi

Hai avviato la tua attività e vuoi verificare che tutto stia andando per il verso giusto? Con il passare del tempo l’avvento di nuove teconologie, le mode, le politiche statali, l’avvento di nuovi competitor immancabilmente cambiano il mercato, questo deve spingerti a effettuare valutazioni periodiche sulle tue strategie di marketing per controllare che siano ancora efficaci. In questo articolo ti parlerò di 4 semplici controlli da effettuare per verificare lo stato di salute delle tue strategie di marketing. Target di […]

Continua a leggere

Marketing per avvocati: posso o non posso?

Marketing per avvocati: metodi e criteri per farsi pubblicità. Gli avvocati, come numerose figure iscritte ad albi professionali sono soggette a vincoli estremamente stringenti nell’ambito della comunicazione pubblicitaria, questo può creare qualche difficoltà quando si parla di strategie di marketing per avvocati. Ma procediamo con ordine, iniziamo con l’illustrare le regole che vincolano gli avvocati nel fare pubblicità. Oltre ai normali vincoli di legge, gli avvocati sono soggetti ai dettami dal codice deontologico l’art.35 – Dovere di corretta informazione aggiornato […]

Continua a leggere
1 2