Come creare una newsletter: caratteristiche indispensabili

Le caratteristiche per creare una newsletter di successo

Farsi pubblicità con l’invio di newsletter che incuriosiscano il lettore e non finiscano nello spam

Risulta evidente che le newsletter per essere efficaci e portare a termine il loro compito, devono necessariamente spiccare sulle altre email ricevute, grazie ad alcune caratteristiche fondamentali. Contrariamente, rischiano di aggiungersi alla collezione delle newsletter che nessuno leggerà mai, o verranno cestinate o forse verranno lette un giorno, quando l’utente avrà tempo. Continua la lettura di questo articolo per sapere come creare una newsletter.

Consigli per come creare una newsletter

Le caratteristiche indispensabili delle newsletter

La newsletter per essere accattivante e catturare l’attenzione del lettore dovrà rispondere a quattro caratteristiche:

  1. Essere consegnata e non finire nello spam. Questo dipende molto anche da alcuni fattori come per esempio la reputazione dei server che spediscono l’email o la qualità della lista contatti in possesso.
    Per darti una informazione concreta evita gli indirizzi errati, quelli che ti tornano indietro, quanto ti rendi conto che un indirizzo email della tua lista non è più attivo toglilo e non spedirgli altre email.
  2. Invogliare ad essere aperta. Bisogna prevedere l’effettiva apertura della newsletter e non la sola visualizzazione dell’anteprima.
  3. Incuriosire.  Il contenuto deve essere letto, deve spingere all’azione e deve raggiungere il suo scopo.
  4. Riuscire a far compiere al destinatario le azioni previste. Completato questo punto, siete riusciti nel vostro intento e il cliente avrà fatto ciò che desideravate.

Contenuto della newsletter

Per essere definita efficace, una newsletter deve anche contenere gli elementi cardine che la caratterizzano.

  1. Mittente. Indica chi scrive e di conseguenza pregiudica l’apertura o meno della mail.
  2. Oggetto. Anticipa il contenuto dell’email e risulta determinante per l’apertura o meno della newsletter. Il suo compito è quello di incuriosire l’utente affinché sia più propenso a leggere l’email.
  3. Contenuto. Deve essere rilevante ed utile per il lettore, pertanto sarà necessario segmentare i target in modo da inviare il messaggio giusto alla persona giusta.
  4. Layout. E’ il fattore che determina come saranno disposti gli elementi del contenuto all’interno della newsletter. Può essere personalizzato con loghi, colori e font, per trasmettere al meglio il valore del messaggio aziendale.
  5. Conclusione. Nella parte finale dell’email è necessario inserire alcune informazioni utili ed obbligatorie, che permettono di instaurare un rapporto di fiducia fra azienda e cliente.

Ancora un paio di consigli sulle newsletter

Un consiglio importante su come creare una newsletter che ti posso dare è quello di prestare particolare attenzione alla frequenza e all’orario d’invio.

  • Frequenza d’invio: ogni quanto tempo decidi di inviare la tua newsletter?
    Non esiste una regola base, dipende dal tuo target, dal tuo obiettivo e da quanto sono legati a te; In generale non ammorbare troppo spesso gli iscritti della tua lista e dall’altra parte non lasciare che si dimentichino di te. Una newsletter a settimana o ogni due settimane potrebbe essere un buon compromesso.
  • Giorno ed orario d’invio: Anche in questo caso non c’è una regola, ragiona sul tuo target di clientela, fatti un idea chiara del momento in cui è più propenso ad ascoltarti. Se ad esempio i tuoi clienti sono delle aziende, un buon momento potrebbe essere il martedì mattina, quando è passata la “confusione del lunedì” e prima del “panico da fine settimana“; Se invece ti occupi di eventi, il momento migliore potrebbe essere il venerdì sera, quando la gente inizia a chiedersi “cosa farò domani sera?”.

La cosa più importante: come usarle

Forse avrei dovuto dirtelo prima, ma ho preferito lasciarti l’informazione essenziale per utima. Inserisci le newsletter all’interno di una strategia ed elabora i contenuti sulla base del tuo obiettivo finale.

Le strategie che puoi applicare sono molte ti posso fare un paio di esempi:

  • Incrementare la fiducia dei tuoi utenti: potersti pensare di dare contenuti di qualità ed esclusivi al fine di poter far capire ai tuoi clienti che sei competente e qualificato;
  • Migliorare la brand identity: potresti inviare newsletter sulle iniziative a favore dell’ambiente o del sociale che la tua azienda compie;
  • Ricontatto clienti: potresti inviare newsletter a quei clienti che hanno acquistato i tuoi prodotti ed i tuoi servizi per proporgli nuove offerte esclusive;
  • Attenzione al cliente: potresti inviare newsletter ai tuoi clienti per fargli gli auguri di compleanno o in occasione di eventi speciali;
  • Aggiornamenti: potresti mandare newsletter per aggiornarli sugli articoli in uscita del tuo blog.

Sono molto e differenziate le campagne che puoi attivare attraverso le newsletter l’importante è che vengano impostate sulla base di una comunicazione che abbia un obiettivo per renderle ancora più interessanti ed efficaci.

Per ora è tutto ma ti prometto che approfondirò l’argomento “campagne” in articoli successivi. Ora dovresti sapere come creare una newsletter. Prova anche tu a creare la tua newsletter! Nel frattempo, se ti è piaciuto l’articolo, condividilo!

Condividi